2457 W. Peterson, Chicago, IL 60659
(773) 271-3611

 
CUFOS
Home

The Organization 
Become an Associate 
Publications 
Ordering & Shipping

UFO FAQ   
English 
Español 
En Francais 
Deutsch 
Italiano
Portuguese
Hynek's Classification
System
You Want To Be A Ufologist

ARTICLES  
International UFO Reporter 
Abductions 

FAMOUS CASES
Roswell

UFO REPORTS
Cometa Report
Report a Sighting
Pilot Reporting Center


UFO HISTORY  
UFO Documents
UFO Historical Revue

UFO MONITORING
Project Hessdalen

UFO DATABASES
Temporal Doorway
   UFO Catalog Query
*U* UFO Database
UFOCAT2005
Blue Book Archives
BlueBook Unknowns
(Incomplete Draft)

RECOMMENDED BOOKS
General Reading 
Advanced Reading
Bookstores 

MISCELLANEOUS  
SETI at Home
Calendar of Events 
Related Phenomena 
UFO Links
UFO Skeptic

Quali sono i casi di studio più interessanti per gli ufologi?

I casi più importanti per imparare di più sugli UFO sono quelli che hanno coinvolto più testimoni e quei racconti in cui gli UFO lasciano qualche tipo di traccia od effetto fisico. I casi di tracce fisiche includono tracce sul suolo o effetti elettromagnetici e sono chiamati Incontri Ravvicinati del Secondo Tipo (IR-2). Quando un UFO è osservato visualmente e registrato simultaneamente dal radar, allora il caso è classificato come Radar-Visual sighting (R-V).

Uno dei più famosi casi di IR-2 si è verificato nel 1971 a Delphos, Kansas, dove un adolescente, Ronald Johnson, vide un oggetto luminoso in movimento vicino al suolo. Improvvisamente l'oggetto prese il volo e scomparve lasciando però un anello rovente sul posto. Le analisi mostrarono che si erano effettivamente verificate alterazioni nella struttura fisica e chimica del terreno, alterazioni che peraltro sono durate per parecchi mesi.

Il caso più famoso e dibattuto di R-V si è verificato nel 1952 nei cieli di Washington, D.C., dove alcuni controllori di volo seguirono sul radar il tracciato di un UFO e un pilota dell'aeronautica avvistò strane luci che circondarono il suo apparecchio. L'aeronautica militare spiegò che sia le immagini radar che le strane luci erano in effetti conseguenze di inversioni di temperatura: una spiegazione che molti scienziati giudicarono alquanto improbabile.

Un caso famoso di R-V avvenne il 17 luglio 1957. Un bombardiere della Air Force, un RB-47 inseguì un UFO per 700 miglia attraverso quattro stati, dal Mississippi all'Oklahoma. Per un'ora e mezza l'oggetto fu costantemente sotto la visione dell'equipaggio, catturato dalla strumentazione elettronica dell'aereo e dal radar di bordo che ne registrò il tracciato. Poiché vi furono diversi testimoni e la conferma dei tracciati radar, oltre alla considerevole durata dell'avvistamento, molti ricercatori UFO esclusero l'ipotesi dell' illusione ottica e del malfunzionamento del radar. Il caso del RB-47 è ancora senza risposta.

Recentemente, i casi più significativi di Radar-Visual sono venuti dal Belgio, dove UFO di forma triangolare sono stati avvistati dal personale civile e militare e registrati sui tracciati radar. L'aeronautica belga ha divulgato i tracciati radar che mostrano degli oggetti in procinto di compiere manovre ed evoluzioni a velocità incredibili, decisamente molto oltre la portata delle reali capacità di ogni aeromobile convenzionale.

Dove e quando si verifica il maggior numero di avvistamenti UFO?
Ci sono stati avvistamenti UFO vicino alla mia città?

L'avvistamento UFO è un fenomeno che si realizza su scala mondiale, con racconti e testimonianze provenienti da tutti i paesi. Alcune nazioni, tuttavia, ne registrano in numero maggiore di altre: un numero notevole di avvistamenti viene dagli Stati Uniti, Argentina, Brasile, Inghilterra, Francia, Italia, Spagna, Belgio e Russia. In contrasto, poche testimonianze (in rapporto alla vastità della popolazione) arrivano dal Messico, Germania e India. Nessuno sa perché il numero di avvistamenti UFO varia in questo modo da paese a paese: occorre probabilmente prendere in considerazione fattori culturali, religiosi e politici.

Negli Stati Uniti, gli UFO sono avvistati in ogni stato, il maggior numero di avvistamenti viene però dal nordest e dal sudest. Generalmente si tratta di aree rurali, piccole cittadine o insediamenti localizzati nelle vicinanze di installazioni militari. Le statistiche indicano che gli avvistamenti si verificano intorno alle 21.00 con un altro picco alle 03.00 di notte. Essi sono equamente distribuiti lungo tutta la durata della settimana, con punte durante i mesi estivi, specialmente luglio. Dall'inizio della moderna era UFO, una quantità incredibile di avvistamenti è stata riportata negli States (le cosiddette "ondate") nel corso degli anni 1947, 1952, 1957, 1966 e 1973.
Per scoprire se ci sono stati casi di avvistamenti UFO vicino alla tua città, dovresti fare alcune indagini. Chiedi a parenti e amici se hanno mai visto un UFO. Ti sorprenderai nello scoprire quante persone in realtà li hanno visti ma non l'hanno mai raccontato. Alcuni ricercatori suggeriscono che solo un testimone su dieci accetta di raccontare la propria avventura. Consulta i giornali locali, soprattutto le edizioni pubblicate durante gli anni delle "ondate" elencati precedentemente, alla ricerca di notizie ed articoli sulla zona degli avvistamenti. Molte biblioteche hanno collezioni di vecchi giornali utili da esaminare. Infine, leggi quanti più libri sugli UFO puoi. Potresti scoprire un reportage UFO proprio nella zona in cui vivi.

I Computer sono utilizzati per lo studio degli UFO?

Molti racconti di avvistamenti UFO sono registrati su un database chiamato UFOCAT. Il database UFOCAT è stato creato dal Dr. David R. Saunders e inserito nel progetto UFO Condon all'Università del Colorado durante gli ultimi anni sessanta. E' stato poi continuato dal Dr. Saunders e dal CUFOS fino al 1980, quando l'UFOCAT conteneva circa 106.000 record. Il progetto UFOCAT è rimasto poi inattivo per dieci anni e recentemente è stato riattivato dal Dr. Donald Johnson, un ex socio del Dr. Saunders e membro del CUFOS. Originariamente memorizzato su un computer gigantesco, ora l'UFOCAT può essere mantenuto su un personal computer e, anche se il database manca di molti casi negli anni '80, è ancora la base informativa UFO più grande ed affidabile: ci sono persino stati tentativi di registrare in questo sistema il maggior numero di casi ancora non-registrati. L'UFOCAT dispone di campi per registrare informazioni su dozzine di parametri, tra cui date, luoghi, tempo atmosferico, numero di testimoni, effetti sui testimoni, tipo, dimensioni e manovre degli UFO. Esso non registra dettagli narrativi di un caso UFO, ma ne codifica le informazioni seguendo un sistema programmato dal Dr. Saunders. L''UFOCAT è stato utilizzato da molti ricercatori di fama per studiare i luoghi, i tempi e i tipi di avvistamenti UFO. Sono disponibili informazioni UFOCAT solo per studenti universitari seri e ricercatori.

Il Radar è utilizzato per monitorare gli UFO?

Anche se ci sono casi in cui gli UFO hanno lasciato tracce sui radar (Radar-Visual sightings), il radar non è considerato uno strumento di sorveglianza per l'ufologia. Il radar, inclusi i sistemi sofisticati FAA e NORAD, ha molti inconvenienti che ne limitano la valenza nel campo delle ricerche UFO. Un UFO potrebbe essere troppo lento per essere rilevato o troppo veloce per apparire sugli schermi radar per un lasso di tempo significante. Gli UFO che sorvolano il suolo o si muovono in modo strano potrebbero essere filtrati dal sofisticato computer del radar e classificati come insetti o rumori. Inoltre, gli aeroplani dotati di transponders riflettono segnali radar più forti di quelli che non ne hanno, e i radar sono spesso calibrati solo sui segnali generati dai transponders. E' anche possibile che un UFO non rifletta affatto i segnali radar.

Malgrado le inadeguatezze del radar nella ricerca di UFO, i supervisori FAA riportarono di "traffico aereo insolito" registrato nel corso di manovre operative. Inoltre, la conferma del radar può aiutare a verificare un avvistamento UFO, fornendo dettagli delle caratteristiche fisiche dell'oggetto. Un problema serio per gli ufologi, tuttavia, è che la FAA mantiene le registrazioni FAA del traffico aereo solo per due settimane e stampare queste informazioni via computer può essere estremamente costoso. Di conseguenza, i dati radar sono disponibili solo per casi riportati immediatamente.

Anche se raro, un caso di Radar-Visual è più significativo ed utile per la ricerca e la comprensione del fenomeno UFO di decine di racconti di luci notturne.

Quali sono le teorie usate dai ricercatori per spiegare i racconti di avvistamenti UFO?

Ci sono tre teorie generali che cercano di dare una spiegazione agli UFO. Essi possono essere:

  1. il prodotto di esseri intelligenti;
  2. fenomeni insoliti ma naturali;
  3. il risultato del bisogno delle persone di credere in qualcosa di confortante o eccitante.

1. La teoria più popolare (particolarmente in America) è che gli UFO sono astronavi costruite e guidate da alieni provenienti da qualche parte dello spazio remoto. Alcuni ricercatori rifiutano l'idea di veicoli spaziali e asseriscono si tratti invece di un qualche altro tipo di veicolo controllato intelligentemente. Questi apparecchi potrebbero creare un'immagine oleografica che le persone vedono e percepiscono come qualcosa di inspiegabile, o potrebbero stimolare il cervello a creare un'allucinazione, che il testimone interpreta come un vero UFO.

Un'altra possibilità è che quello che le persone vedono come un UFO sono porte o buchi temporali che collegano diverse parti del nostro spazio-tempo continuum e sono usate da esseri intelligenti per spostarsi in punti diversi nello spazio tempo. Anche se più popolare, la teoria degli "esseri intelligenti" ritiene che l'intelligenza che si cela dietro agli UFO provenga dallo spazio esterno, altri invece credono che si origini in un'altra dimensione, ma sulla terra stessa. Alcuni ricercatori credono che si tratti di una qualche tecnologia, sviluppata da gruppi segreti di scienziati, che va ben oltre le attuali capacità della scienza conosciuta.

Tutte queste idee, inclusa la teoria degli alieni provenienti dallo spazio esterno, mancano ancora di prove conclusive e certe. Gli scettici circa l'esistenza degli UFO dirigono il proprio criticismo specificatamente e più frequentemente contro la prima teoria. Essi assumono che le enormi distanze esistenti tra le stelle rendono impossibile il viaggio interstellare. Questi scettici credono anche che le molte descrizioni degli UFO e dei propri occupanti implichino il fatto che gruppi di alieni stiano visitando la terra, una teoria da loro considerata alquanto inverosimile. Inoltre, credono anche che gli eventuali alieni non terrebbero segrete le proprie attività e annuncerebbero la propria presenza in molti e più ovvi modi. Infine, gli scettici evidenziano il fatto che non esistono prove inconfutabili, come una vera ed autentica foto o un tangibile pezzo di metallo proveniente da un UFO, il che proverebbe la loro esistenza.

La seconda teoria racconta che gli UFO sono invece strani fenomeni naturali. Le palle di luce sono un esempio di un fenomeno raro e completamente sconosciuto. I fautori della "teoria della luce riflessa della terra" asseriscono che la pressione geologica sulla crosta terrestre produca in realtà dei fulmini globulari, ovvero delle sfere luminose di gas atmosferici ionizzati. Essi credono che le proprietà di questi gas (chiamati plasma) possano avere strani effetti sulle persone che si avvicinano ad essi: il plasma può stimolare alcune zone del cervello e produrre vivide allucinazioni, che potrebbero essere la base dei casi di "rapimento".
Gli oppositori sono d'accordo nell'affermare che la teoria dei fulmini globulari non prende in considerazione tutti i dati. Non credono che la pressione geologica possa creare un plama con le dimensioni, forme e durata dei casi di UFO riportati. Si mette, inoltre, in discussione il fatto che un'allucinazione indotta elettromagneticamente possa creare il consistente bagaglio di ricordi riportati dai "rapiti".

La terza teoria afferma che gli UFO sono il risultato di fattori psicologici o sociologici. Molti scienziati, in particolare coloro che sono scettici sull'esistenza degli UFO, sono d'accordo nell'affermanre che tutti gli avvistamenti sono in realtà percezioni errate di fenomeni naturali o aerei convenzionali. Queste illusioni, affermano, sono il risultato dell'ignoranza del testimone, del proprio stato emotivo, della propria salute psicologica, oppure sono il risultato di condizioni ambientali avverse che vanno ad agire sui meccanismi percettivi di un individuo.

Altri ricercatori credono che lo stress e gli sconvolgimenti della società moderna abbiano creato il bisogno in molte persone di creare un "contatto" con gli UFO o alieni che siano. Essi affermano che un tale bisogno esiste perché la società moderna ha rifiutato i valori e le credenze tradizionali, lasciando gli individui soli senza alcuna speranza o direttiva. Attraverso la loro credenza negli UFO e in alieni tecnologicamente superiori, alcune persone possono riporre in qualcosa o qualcuno la propria fede, qualcuno o qualcosa che può aiutare l'umanità a risolvere i propri problemi e dare di nuovo uno scopo, un fine, all'esistenza del mondo stesso.

Gli argomenti contro questa teoria evidenziano il fatto che i testimoni di solito descrivono gli avvistamenti con un certo livello di precisione e consistenza. I rapporti UFO che derivano da persone emotivamente disturbate sono rari e facili da identificare. Tuttavia, ci sono individui che affermano di aver ricevuto messaggi da esseri alieni, spesso "rivelando" questi messaggi in uno stato di trance. Questo deriva indubitabilmente dal sistema di credenza del "contattato" invece che da una fonte obiettiva come è invece il fenomeno UFO.

Ognuna di queste tre teorie ha i suoi punti di forza e i suoi punti deboli. A causa della complessità del fenomeno UFO, tutte e tre possono spiegare una parte del mistero. Solo ulteriori ricerche e nuovi dati possono aiutarci a risolvere l'enigma UFO.

Esiste la vita intelligente su altri pianeti?

Although the Center for UFO Studies is not specifically involved in the search for intelligent life on other planets, the idea that some UFOs are alien spacecraft makes this question somewhat relevant to ufology. While there have been many fanciful tales about life on other planets, most scientists search for intelligent life by using radio telescopes tuned to detect the emissions of other technologically advanced civilizations. (Projects involving the search for extraterrestrial intelligence are referred to by the acronym SETI.) One of the first organized attempts to discover extraterrestrial life was Project Ozma (named after the queen of Oz), which was initiated by the American radio astronomer, Frank Drake. The project tuned its telescopes to detect radio emissions from nearby sun-like stars, such as Tau Ceti and Epsilon Eridani. Although signals proving the existence of intelligent life were never detected, valuable information about the universe was discovered. Since Project Ozma, other attempts have also been made to detect extraterrestrial signals, with one of the longest-running efforts occurring at Ohio State University.

Anche se il Centro Studi UFO (Center for UFO Studies) non è specificatamente coinvolto nella ricerca di vita intelligente su altri pianeti, l'idea che alcuni UFO siano in realtà navi spaziali rende l'argomento in qualche maniera attinente all'ufologia. A parte le molte storielle nate attorno alla teoria della vita su altri pianeti, molti scienziati sono attivamente impegnati nella ricerca della vita intelligente con l'ausilio di radiotelescopi sintonizzati e programmati per ricevere emissioni di altre civililtà tecnologicamente avanzate. (I progetti per la ricerca di intelligenza extraterrestre sono chiamati con l'acronimo SETI). Uno dei primi tentativi per scoprire la vita extraterrestre è stato fatto dal Progetto Ozma (così chiamato in onore della regina di Oz), iniziato dal radio astronomo americano Frank Drake. Il progetto ha puntato i telescopi alla cattura di emissioni radio provenienti da stelle vicine simili al sole, come la Tau Ceti e la Epsilon Eridani. Anche se segnali reali che provino l'esistenza della vita extraterrestre non sono in realtà mai stati registrati, molto è stato scoperto circa l'universo che ci circonda. Oltre al progetto Ozma, ci sono stati numerosi altri tentativi volti all'individuazione di segnali extraterrestri. Uno di essi, il più longevo, è quello compiuto dall'Università di stato dell'Ohio

Malgrado la mancanza di successo nella scoperta di segnali extraterrestri, secondo il parere di molti astronomi ci sono molte probabilità che esista una vita extraterrestre. Questa conclusione è basata sull'equazione Drake sviluppata da Frank Drake, che la concepì some un modo per stimolare il dibattito sulla ricerca di intelligenza extraterrestre. Nell'equazione ci sono sette fattori usati per determinare il numero probabile di civiltà tecnologiche capaci e desiderose di trasmettere e ricevere segnali radio. Questi fattori includono il tasso di nascita di stelle nuove, il numero di pianeti attorno ad una stella, i pianeti in grado di ospitare la vita, gli ambienti favorevoli, la vita intelligente, le società comunicative e il lasso di tempo necessario al ciclo vitale di una civiltà.

Diversi scienziati hanno anche iniziato a speculare sulla possibilità che le civiltà extraterrestri siano già in contatto tra di loro, particolarmente in regioni della galassia dove le stelle sono vicine le une alle altre. Le attività di queste società cosmiche altamente avanzate potrebbero essere rilevabili sulla terra, e constituire quindi le prove che i progetti SETI stanno assiduamente cercando.

Alcuni scienziati rifiutano l'idea che esista la vita extraterrestre. La teoria che meglio di tutte esprime questa opinione è quella di Enrico Fermi (conosciuta con il nome di Paradosso-Fermi) secondo la quale se la vita extraterrestre esistesse veramente nell'universo, essi (gli extraterrestri) sarebbero già dovuti arrivare sulla terra. Quindi, dove sono? L'argomento essenzialmente dichiara che se esiste la vita extraterrestre, avremmo già dovuto avere le prove della sua esistenza, perché l'età stessa della terra avrebbe dato ai presunti extraterrestri tutto il tempo necessario per arrivare fino da noi. Ovviamente, se esseri intelligenti esistono da qualche parte, ci sono in realtà molti fattori che li avrebbero indotti a non contattarci, oppure avrebbero potuto semplicemente aver scelto di non farlo. E ancora, c'è anche la possibilità che gli extraterrestri abbiano già raggiunto la terra. Molti scienziati impegnati nei progetti SETI, tuttavia, non hanno mostrato abbastanza interesse nell'esaminare i dati UFO in modo tale da testare questa ipotesi.

Cosa direste agli scettici che non credono agli UFO?

Lo studio del fenomeno UFO non dovrebbe includere il fatto di crederci o no. Gli ufologi seri non stanno studiando il modo di convincere le persone a credere negli UFO, stanno cercando di dimostrare che il fenomeno UFO - qualunque cosa sia - merita uno studio scientifico serio. Un problema costante per gli ufologi è quello di dover affrontare la molta ignoranza che esiste sull'argomento. Anche i più istruiti scettici, spesso professori universitari, sono inconsapevoli delle prove che esistono sugli UFO. della letteratura sull'argomento, della storia del coinvolgimento del governo e delle indagini civili, per non parlare dei dettagli dei casi più significativi. Infatti, gli ufologi seri sono spesso anche degli scettici molto accaniti: essi posseggono una conoscenza dei pro e contro dello studio degli UFO maggiore di chiunque altro.

Gli scettici spesso si accaniscono contro lo studio degli UFO basato su racconti non corredati da opportune prove, affermano che gli alieni non hanno certo visitato la terra tutte le volte che si è verificato un avvistamento UFO e che gli UFO visti da molte persone derivano in realtà da necessità religiose o emotive. Solo perché gli scienziati non studiano gli UFO, si dovrebbe dedurre che non ci sono prove. In termini pratici, gli scienziati studiano argomenti che sono accademicamente accettabili, corredati da numerosi dati certi e possono attingere ai fondi concessi dal governo e da fonti private.

  • Ecco alcuni suggerimenti per coloro che restano scettici circa la validità della ricerca UFO:
  • Leggere le opere di letteratura UFO seria e rilevante;
  • Imparare su le indagini UFO e organizzazioni di ricerca;
  • Conoscere i fatti che si celano dietro al fenomeno;
  • Studiare i dati e non confondere i fatti con la speculazione;
  • Esaminare i metodi di ricerca e le motivazioni degli scettici.

Ricordare sempre che lo scetticismo onesto e costruttivo richiede la comprensione dei dati, delle ricerche scientifiche rilevanti, delle ricerche sociali e la storia mondiale del mistero UFO.

Cosa si deve fare quando si avvista un UFO?

Prima di tutto chiamate altre persone e rendetele partecipi dell'avvistamento UFO: più ci sono testimoni, più esso risulterà credibile agli investigatori. Secondo, osservate con molta cura. Se avete una macchina fotografica scattate foto dell'UFO avendo ben cura di includere anche oggetti conosciuti sullo sfondo ed intorno ad esso. Ricordate: includete più dettagli possibili, in particolare il tempo, la data, la durata ed il luogo dell'avvistamento. Includete l'apparizione UFO, forma, dimensioni apparenti e distanza, luci, colori, direzione, velocità presunta, traiettoria, movimento, azioni, suoni e modalità dell'avvistamento. Tracciate un disegno dell'UFO, anche se avete scattato delle foto, e una mappa della zona dove si è verificato l'avvistamento. Se l'UFO ha lasciato tracce fisiche o effetti sull'ambiente circostante, proteggete le prove in modo da farle analizzare dai ricercatori. Infine, cosa ancora più importante, contattate il Centro per gli Studi UFO per schedare il vostro racconto.

Cosa devo fare per diventare un ufologo?

Non esiste un training formale necessario per diventare un ufologo. L'ufologia, infatti, è più un hobby che una carriera professionale. Ecco perchè molti ricercatori studiano e lavorano in questo campo in qualità di volontari e si sono documentati di persona sull'argomento. Dovresti comunque frequentare le scuole e l'università in ogni campo che ritieni rilevante secondo le tue attitudini, ti aiuterà a capire il metodo scientifico e a sviluppare il tuo pensiero critico. E' impossibile prevedere un ramo specifico di studio, ogni campo sociale o scientifico può contribuire ad un'ulteriore comprensione del fenomeno UFO, quindi la conoscenza e la prospettiva di ogni tipo di studio può di per sè essere utile a gettare luce sul fenomeno. Infine, dovresti cercare di incontrare altre persone interessate agli UFO che potrebbero già essere coinvolte nelle indagini e nello studio della materia. Potrebbero avere libri e documenti che potresti prendere in prestito e aver avuto esperienze che potresti ritenere molto utili per la tua formazione.

[PRECENDENTE]                                                                                                                                              [DOPO]


 

HOME | CUFOS | ASSOCIATES | PUBLICATIONS | ORDERING & SHIPPING | FAQ | IUR  | ABDUCTIONS
ROSWELL
| REPORT A SIGHTING | PILOT REPORTING CENTER | UFO DOCUMENTS | UFOCAT BLUE BOOK UNKNOWNS
BOOKS GENERAL
| BOOKS ADVANCED | BOOKSTORES | CALENDAR OF EVENTS | RELATED PHENOMENA | LINKS |

Copyright Ó 1997-2007 CUFOS. All rights reserved
This material may not be published, broadcast, rewritten, or redistributed without written permission.